Castel Sant'Angelo - Terme di Cotilia

Nella valle del fiume Velino, ad una decina di chilometri da Rieti, si ergeva la città di Cotilia, in cui i Romani per primi costruirono le terme, di cui i resti rinvenuti grazie agli scavi archeologici ci danno testimonianza. Abbandonata per molti secoli, l’attività termale è stata ripresa solamente verso gli inizi del XIX secolo; ancora oggi Castel Sant’Angelo è una delle località termali più conosciute d’Italia, anche in quanto sede estiva del pontefice.

La zona che circonda il complesso termale di Cotilia si distingue per l’abbondanza di acque termali che sgorgano da due sorgenti, Vecchi e Nuovi Bagni. La classificazione di queste acque è di acqua fredda di tipo minerale naturale solfidrico-carbonica-solfato-alcalino terrosa. Oggi anche la medicina ufficiale riconosce le proprietà terapeutiche di quest’acqua: le patologie che vengono curate sono molteplici e riguardano l’apparato respiratorio, quello cardiovascolare e l’apparato gastroenterico; le terapie messe in atto sono la massoterapia, i fanghi, le cure inalatorie, i bagni e le cure idroponiche.

L’attuale stabilimento è composto da due moderne strutture che si ergono imponenti in un grande parco: nella prima costruzione, che ospita un albergo, si svolgono le cure  fango-balneoterapiche, mentre nella seconda, di fronte, quelle inalatorie ed idroponiche. Ad essi si è aggiunto di recente un centro specializzato nella riabilitazione motoria.

Castel Sant’Angelo oltre che per le sue terme è famoso anche le sue bellezze naturali ed artistiche; si consiglia una visita ai laghetti vulcanici che si trovano in gran numero nell’area circostante la cittadina e i piccoli borghi medievali che hanno mantenuto nei secoli il loro aspetto severo ed affascinante.

Torna a Terme nel Lazio

Sei in Home Page > Terme nel Lazio > Castel Sant'Angelo - Terme di Cotilia