Bosco del Sasseto

Il Monumento naturale Bosco del Sasseto si trova all'estremo nord del Lazio, precisamente nel comune di Acquapendente, una frazione di Torrealfina.

Si tratta di un piccolo lembo di bosco, non tagliato da molte decine di anni, che si estende per circa 50 ettari ai piedi del castello di Torrealfina. Il pendio su cui sorge costituisce i resti di un antico apparato vulcanico: il percorso roccioso, orientato verso nord, è formato da grandi massi di pietra lavica,tutti derivanti dalle colate discendenti dalla cima del rilievo che raggiunsero la valle del fiume Paglia. Alcune di queste rocce, che si trovano sparse per la vegetazione, ai piedi degli arbusti con cui sono perfettamente integrati, hanno dimensioni considerevoli; il loro colore è variabile: si va dal grigio chiaro, al nero, fino al rosso o al viola, tonalità acquisita per i fenomeni di ossidazione a cui sono andate incontro col passare del tempo.

I massi sono in gran parte ricoperti da felci, muschi e licheni e sono circondati da piante molto diverse l’una dall’altra. Nel bosco del Sasseto si possono infatti trovare lecci, faggi, carpini, famie, castagni, aceri, frassini, querce, oltre ad un ricco sottobosco. Sono numerosi anche gli alberi secolari, che spesso superano i 25 metri di altezza e il cui tronco va oltre il metro di diametro. Come la flora, anche la fauna è molto ricca e varia: essa unisce specie mediterranee con altre di provenienza settentrionale, contribuendo a dare origine ad una forte biodiversità. Il Monumento naturale Bosco del Sasseto ospita piccoli mammiferi, molte varietà di uccelli, anfibi e rettili; tra gli animali più rari ricordiamo le tartarughe di acqua dolce, il merlo acquaiolo e il gambero di fiume. All’interno del bosco del Sasseto si erge inoltre un mausoleo in stile gotico, dentro cui si trovano le spoglie del Marchese Edoardo Cahen, ovvero l’antico proprietario del castello di Torrealfina.

Torna a Aree protette del Lazio

Sei in Home Page > Aree protette del Lazio > Bosco del Sasseto